impugnatura centrale sugli arbalete

Sezione dedicata alla modifica e alla manutenzione delle attrezzature, nonchè allo scambio di opinioni ed informazioni tecniche.

Moderatore: Moderatori

Regole del forum
Prima di aprire un nuovo topic, accertarsi di rispettare la
REGOLA DELL' ACCODAMENTO DEI MESSAGGI AI TOPIC GIA' ESISTENTI
Rispondi
Avatar utente
Raph69
Top Member
Top Member
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 19:01
Località: Cagliari
Stato: Non connesso

impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Raph69 » giovedì 29 ottobre 2009, 17:24

Ciao a tutti,
mentre spulciavo i topic più recenti ho visto questo viewtopic.php?f=6&t=4443 dove si parla di una nuova plancetta e guardando queste foto
Immagine

Immagine

mi è tornato in mente il mio compagno di tante battute di pesca in gioventù: il technisub tigre
Immagine
uno splendido cannone a impugnatura centrale :o.k: la cui caratteristica che ricordo meglio era la superiorità nel brandeggio rispetto ai pari potenza a "serbatoio anteriore".

Premesso che non mi sono mai neanche sognato di provare a cimentarmi nella costruzione di un arbalegno (non credo di avere la manualità necessaria e men che meno il tempo) però mi sono chiesto: come mai non si vedono arbalegni con impugnatura centrale, visto che uno dei problemi più sentiti dai possessori di un fucile lungo è proprio la difficoltà di brandeggio e che distribuendo la lunghezza dello stesso certamente tale voce subirebbe un miglioramento. Qualcuno dei nostri arbageppetti ci aveva già pensato? ha sperimentato? sa darmi una risposta?



Avatar utente
tarcioz
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 11:04
Località: san gavino monreale
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da tarcioz » giovedì 29 ottobre 2009, 18:47

Gran bella domanda.
Non l'ho sperimentato,non ci ho mai pensato,ma mi sento concorrente come da jerry scotty.chiedo il 50 e 50. :biggrin.Parlo per immaginazione poi qualcuno mi correggerà..
Credo che la differenza stia tutta sulla precisione del tiro..un impugnatura a centro fusto riceve la vibrazione del rinculo molto prima e con un intensità maggiore.L'effetto rinculo infatti si sa che è molto affievolito da una buona massa del fusto che attraversata in tutta la sua lunghezza dall'effetto arriva sulla mano con una minore inerzia,con conseguenza un migliore controllo dello sbalzo...
A metà fusto inoltre la potenza dell'effetto si scaricherebbe su metà del fusto ed il resto sulla mano con conseguenze immaginabili..
Inoltre vedersi sfilare a fianco alla faccia un doppio circolare,non dev'essere una cosa bellissima..si è costretti a tenere il fucile disassato dal corpo,perdendo istintività nel tiro...questo poi lo dovrei chiedere a te che l'hai gia provato anche se non arbalete,ma con la stessa impostazione..

Avatar utente
mitraglia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3195
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2009, 18:07
Località: Arezzo
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da mitraglia » giovedì 29 ottobre 2009, 19:06

con un impugnatura centrale acquisti sicuramente in brandeggio a scapito della gittata e tiro utile che sarà più corto di mezzo metro (secondo me eh) mentre se allunghi di pù la punta del fucile ti ritrovi i problemi di brandeggio.
Immagine

ARCHIMEDE PITAGORICO DEL FORUM ANNO 2012-13

Immagine

Avatar utente
Antonino_S
Platinum Member
Platinum Member
Messaggi: 5796
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2008, 10:57
Località: Reggio Calabria - Ferrara
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Antonino_S » giovedì 29 ottobre 2009, 19:31

secondo me il problema grosso dei fucili a impugnatura centrale è la mira...ad esempio con gli arbalete ci regoliamo prendendo come riferimento l'asta...
alias ViperCarbon
Immagine
SubWiki

Avatar utente
midril86
Top Member
Top Member
Messaggi: 829
Iscritto il: martedì 8 luglio 2008, 10:46
Località: melicuccà rc
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da midril86 » giovedì 29 ottobre 2009, 21:19

quoto viper... giustamente, come dice mitraglia, si perdono almeno 30 cm di tiro utile e la mira non può essere paragonata a quella di un legno "standard"...
Immagine

non ti sentire più forte del mare...

Avatar utente
tarcioz
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 11:04
Località: san gavino monreale
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da tarcioz » giovedì 29 ottobre 2009, 22:43

midril86 ha scritto:quoto viper... giustamente, come dice mitraglia, si perdono almeno 30 cm di tiro utile e la mira non può essere paragonata a quella di un legno "standard"...
mitraglia3006 ha scritto:con un impugnatura centrale acquisti sicuramente in brandeggio a scapito della gittata e tiro utile che sarà più corto di mezzo metro (secondo me eh) mentre se allunghi di pù la punta del fucile ti ritrovi i problemi di brandeggio.
Ragazzi secondo me vi sbagliate.se notate bene lo sgancio dell'asta è situato nella parte terminale del fusto grazie ad un meccanismo particolare(nella foto si nota bene),quindi le gomme si allungano sempre per una lunghezza nominale pari a quasi tutta la lunghezza del fusto(pochi cm in meno).Ovviamente tutto è dipeso dal posizionamento più o meno arretrato della tacca di ritenuta dell'asta..

Avatar utente
h4nnib4l
Top Member
Top Member
Messaggi: 836
Iscritto il: martedì 1 settembre 2009, 22:02
Località: Villamassargia - Sardegna
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da h4nnib4l » venerdì 30 ottobre 2009, 1:11

Secondo me va a scapito della mira, nel senso che perdi "50 cm" di aiuto a mirare, sarebbe come mirare con un 50 ad un pesce che sta a 4 mt dalla punta! Poi con un arbalete normale potresti sempre fare un brandeggio differente e più difficilmente gestibile ma molto rapido, ovvero invece di far ruotare il fucile prendendo come asse di rotazione la persona si fa ruotare il fucile prendendo come asse di rotazione la mezzeria del fucile stesso. In questo modo il fucile ruota molto velocemente, ma il puntamento è molto superficiale e si ha molta difficoltà nel gestire il rinculo. Comunque lo ho usato spesso in azioni molto rapide e la velocità non credo abbia nulla da invidiare ad un fucile col manico nella mezzeria. Forse più del testo possono le immagini, con le quali cercherò di spiegarmi meglio (io mi riferisco alla B).
Immagine
Immagine

Avatar utente
scampanale
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1989
Iscritto il: mercoledì 30 luglio 2008, 14:21
Località: Ruvo di Puglia (BA)
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da scampanale » venerdì 30 ottobre 2009, 10:01

Secondo me i fucili della foto non possono essere paragonati ai nostri e alle nostre esigenze. Questi servono per la caccia grossa in oceano, dove la brandeggiabilità e la mira sono dettagli sorvolabili. Certe sottigliezze che per noi sono fondamentali, per le nostre esigenze dovute alla tipologia delle prese mediterranee che insidiamo, nella caccia alle enormi bestie oceaniche sono trascurate a vantaggio di altri fattori. Probabilmente su quel cannone è stata progettata l'impugnatura centrale per una questione di comodità. Ma avete visto quanto è largo il fusto? Peserà un'accidente. E come te lo trascini un cannone del genere?
Tutto capita a tutti, prima o poi, se c'è abbastanza tempo.
Legge di Shaw


Immagine

ARCHIMEDE PITAGORICO DEL FORUM 2009-10
Immagine

Avatar utente
Antonino_S
Platinum Member
Platinum Member
Messaggi: 5796
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2008, 10:57
Località: Reggio Calabria - Ferrara
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Antonino_S » venerdì 30 ottobre 2009, 11:01

scampanale ha scritto:Probabilmente su quel cannone è stata progettata l'impugnatura centrale per una questione di comodità.
si, infatti con questi fucili puoi gestire molto meglio il rinculo proprio grazie alla porzione di fusto arretrata rispetto all'impugnatura, per cui basta posizionarlo in modo particolare, e più che altro il rinculo si scarica sul corpo del pescatore stesso, ad esempio con un fucile tradizionale il rinculo si scarica in parte sul braccio teso, mentre con questi fucili a impugnatura centrale si scarica anche sulla spalla...
Ultima modifica di Antonino_S il venerdì 30 ottobre 2009, 11:03, modificato 1 volta in totale.
alias ViperCarbon
Immagine
SubWiki

Avatar utente
mitraglia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3195
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2009, 18:07
Località: Arezzo
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da mitraglia » venerdì 30 ottobre 2009, 12:10

Scampa ha fatto un ragionamento che condivido il brandeggio e la mira in oceano sono trascurati perchè le dimensioni delle prede sono enormi rispetto ai nostri mari
Immagine

ARCHIMEDE PITAGORICO DEL FORUM ANNO 2012-13

Immagine

Avatar utente
Raph69
Top Member
Top Member
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 19:01
Località: Cagliari
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Raph69 » venerdì 30 ottobre 2009, 13:09

La discussione sembra aver preso piede per benino, allora vediamo un pò:
tarcioz ha scritto:Inoltre vedersi sfilare a fianco alla faccia un doppio circolare,non dev'essere una cosa bellissima..si è costretti a tenere il fucile disassato dal corpo,perdendo istintività nel tiro...questo poi lo dovrei chiedere a te che l'hai gia provato anche se non arbalete,ma con la stessa impostazione..
Io parlavo di impugnatura centrale ma non necessariamente al centro esatto diciamo con 40 cm. di fucile dietro l'impugnatura (il tigre +/- era così) quindi negli aspetti l'arma sta tutta davanti alla testa, poggiata sul braccio teso, nessun elastico che sibila sulle orecchie. Però ciò significa anche, parlando di un 110, avere il brandeggio di un 75. Senza contare che, per esperienza ti dico, avere il fusto dell'arma poggiata sul braccio aiuta a fare leva, nel libero diventa rapidissimo perchè non lavori più col solo polso (io quando mi spostavo tenendo il braccio leggermente piegato portavo il tigre con la parte finale del serbatoio che poggiava sul bicipite poco sopra il gomito).
h4nnib4l ha scritto:Secondo me va a scapito della mira, nel senso che perdi "50 cm" di aiuto a mirare, sarebbe come mirare con un 50 ad un pesce che sta a 4 mt dalla punta!
come ho detto poc'anzi nell'aspetto l'arma è poggiata sul braccio disteso quindi la mira corre sempre lungo l'intera asta.
mitraglia3006 ha scritto:con un impugnatura centrale acquisti sicuramente in brandeggio a scapito della gittata e tiro utile che sarà più corto di mezzo metro (secondo me eh) mentre se allunghi di pù la punta del fucile ti ritrovi i problemi di brandeggio.
Qui son d'accordo: il fucile spunta mezzo metro (40 cm nella mia ipotesi) in meno dalla sagoma del pescatore... resta da stabilire se quando facciamo un aspetto il pesce tenda a tenersi lontano dal nostro corpo, o dalla prima cosa strana che vede (ovvero dalla punta del fucile). Dico questo perchè ho notato che quando scendo a fare un aspetto col 75 i pesci si avvicinano mediamente di più che col 95 (la cui sagoma è più "importante" e quindi presumo più visibile)
scampanale ha scritto:Secondo me i fucili della foto non possono essere paragonati ai nostri e alle nostre esigenze. Questi servono per la caccia grossa in oceano, dove la brandeggiabilità e la mira sono dettagli sorvolabili. Certe sottigliezze che per noi sono fondamentali, per le nostre esigenze dovute alla tipologia delle prese mediterranee che insidiamo, nella caccia alle enormi bestie oceaniche sono trascurate a vantaggio di altri fattori. Probabilmente su quel cannone è stata progettata l'impugnatura centrale per una questione di comodità. Ma avete visto quanto è largo il fusto? Peserà un'accidente. E come te lo trascini un cannone del genere?
Non sono totalmente in sintonia con questa affermazione, posso sbagliarmi ma quei fucili sono dei normalissimi 100 (la plancetta misura 96 cm), inoltre gli elastici non mi sembrano in grado di spingere un'asta così pesante da passare una bestia oceanica, e per finire non mi sembra di vedere mulinelli o ammennicoli per collegare l'arma a delle boe, mi sembrano delle normali armi da pesca sottocosta (il che fra l'altro è più compatibile con l'uso di una plancetta)

Ma dei tanti arbageppetti che girano sul forum, nessuno ha mai neanche solo provato a studiare una soluzione simile?!?

Avatar utente
tarcioz
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 11:04
Località: san gavino monreale
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da tarcioz » venerdì 30 ottobre 2009, 22:19

Pensandoci bene non è che il miglior brandeggio sia solo immaginario?
La massa posteriore del fucile deve comunque roteare assieme al resto del fusto,di conseguenza nella rotazione anch'essa deve spostare una massa d'acqua non indifferente vista la geneosa sezione posteriore...rotazion che deve avvenire per mezzo del polso.difficile farlo ruotare velocemente con la sola forza del polso..L'ausilio del braccio in appoggio sul fusto toglie molta istintività sul tiro,ed il movimento è molto più visibile e quindi percettibile dal pesce..

Avatar utente
h4nnib4l
Top Member
Top Member
Messaggi: 836
Iscritto il: martedì 1 settembre 2009, 22:02
Località: Villamassargia - Sardegna
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da h4nnib4l » venerdì 30 ottobre 2009, 23:18

@Raph69 non ho detto che il problema di precisione deriva dalla minore lunghezza del fusto, ma secondo me la lunghezza dei nostri arbalete aiuta molto per la precisione. In pratica, sempre secondo me, se tu vedi un supporto di soli 50 cm d'innanzi agli occhi è un conto, mentre se ne vedi 1 m riesci a mirare molto meglio. Provo a spiegarmi meglio, quando puntiamo abbiamo tre punti di riferimento (a mio avviso): uno all'impugnatura, uno alla punta dell'asta e uno sul pesce. Se i primi due punti son troppo vicini il tiro e meno preciso. Infatti tu prova a prendere due punti a distanza di un centimetro e tracciare il prolungamento di questi due punti al fine di mirarne un terzo che sta a 10 m vedrai che sarà complicato, ma se i primi due punti distassero a due metri l'uno dall'altro sarebbe meno difficile.
Io mi riferivo a questo ...
Che comunque è una considerazione che potreste sempre smentire ... fornendomi delle motivazioni corrette ;)
Immagine

Avatar utente
h4nnib4l
Top Member
Top Member
Messaggi: 836
Iscritto il: martedì 1 settembre 2009, 22:02
Località: Villamassargia - Sardegna
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da h4nnib4l » venerdì 30 ottobre 2009, 23:24

A parte che poi il solo fatto di dover distendere sempre completamente tutto il braccio al fine di poter vedere l'asta per l'allineamento non mi sembra la cosa migliore ...
Immagine

Avatar utente
Raph69
Top Member
Top Member
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 19:01
Località: Cagliari
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Raph69 » sabato 31 ottobre 2009, 0:19

tarcioz ha scritto:Pensandoci bene non è che il miglior brandeggio sia solo immaginario?
La massa posteriore del fucile deve comunque roteare assieme al resto del fusto,di conseguenza nella rotazione anch'essa deve spostare una massa d'acqua non indifferente vista la geneosa sezione posteriore...rotazion che deve avvenire per mezzo del polso.difficile farlo ruotare velocemente con la sola forza del polso..L'ausilio del braccio in appoggio sul fusto toglie molta istintività sul tiro,ed il movimento è molto più visibile e quindi percettibile dal pesce..
Il ragionamento è corretto ma c'è un particolare che forse ti sfugge: se il pesce è spostato di 3 metri rispetto alla linea di mira davanti a te di 5 metri se tu hai un fucile lungo un metro e venti tutto davanti al braccio devi far compiere alla punta del fucile circa 1 metro di spostamento per allinearla col bersaglio, se invece questo fucile spunta solo 70 cm dalla tua mano, la sua punta dovrà percorrere solo 60 cm per essere in linea col bersaglio, ergo sposti si la stessa massa d'acqua ma è proprio lo spostamento a esser minore.
Immagine
rosso è il braccio, blu arbalete classico, verde arbalete a impugnatura centrale... scusa per il disegno, adesso sai perchè non sono diventato ingegnere :P

h4nnib4l ha scritto:@Raph69 non ho detto che il problema di precisione deriva dalla minore lunghezza del fusto, ma secondo me la lunghezza dei nostri arbalete aiuta molto per la precisione. In pratica, sempre secondo me, se tu vedi un supporto di soli 50 cm d'innanzi agli occhi è un conto, mentre se ne vedi 1 m riesci a mirare molto meglio. Provo a spiegarmi meglio, quando puntiamo abbiamo tre punti di riferimento (a mio avviso): uno all'impugnatura, uno alla punta dell'asta e uno sul pesce. Se i primi due punti son troppo vicini il tiro e meno preciso. Infatti tu prova a prendere due punti a distanza di un centimetro e tracciare il prolungamento di questi due punti al fine di mirarne un terzo che sta a 10 m vedrai che sarà complicato, ma se i primi due punti distassero a due metri l'uno dall'altro sarebbe meno difficile.
Io mi riferivo a questo ...
Che comunque è una considerazione che potreste sempre smentire ... fornendomi delle motivazioni corrette ;)
Scusa h4nnib4l, forse non sono stato sufficientemente chiaro, l'impugnatura come tu la chiami è il carichino, giusto? tu su un arbalete "tradizionale" prendi la mira allineando il carichino con la punta dell'asta che dista supponiamo un metro e venti, giusto? qui fai la stessa cosa, allinei il carichino con la punta dell'asta, dato che la lunghezza del fucile si è supposta uguale i due punti sono sempre a un metro e venti! l'unica differenza è che nel tuo caso il carichino sta a circa 50/60 cm dal tuo occhio, nel mio sta a 10 cm. come in un fucile. Col vecchio garand avevo la tacca di mira praticamente sul naso e non mi trovavo tanto male :fischio:

Avatar utente
Raph69
Top Member
Top Member
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 19:01
Località: Cagliari
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Raph69 » sabato 31 ottobre 2009, 0:29

Tutto ciò fermo restando che se un pesce tende a mantenere una certa distanza da noi prendendo come riferimento la nostra testa, con un fucile a impugnatura centrale la punta dell'asta sarà 40 cm più distante dal suo bersaglio con tutte le conseguenze del caso. :mmm:

Se invece il pesce tendesse a mantenersi a una certa distanza dalla prima cosa che vede, cioè la testata del fucile, la distanza da coprire sarebbe uguale, col vantaggio che il pesce sarebbe 40 cm più vicino al nostro occhio e quindi ci sarebbe più facile prendere la mira :o.k:

Avatar utente
tarcioz
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 11:04
Località: san gavino monreale
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da tarcioz » sabato 31 ottobre 2009, 15:51

Raph69 ha scritto:
tarcioz ha scritto:Pensandoci bene non è che il miglior brandeggio sia solo immaginario?
La massa posteriore del fucile deve comunque roteare assieme al resto del fusto,di conseguenza nella rotazione anch'essa deve spostare una massa d'acqua non indifferente vista la geneosa sezione posteriore...rotazion che deve avvenire per mezzo del polso.difficile farlo ruotare velocemente con la sola forza del polso..L'ausilio del braccio in appoggio sul fusto toglie molta istintività sul tiro,ed il movimento è molto più visibile e quindi percettibile dal pesce..
Il ragionamento è corretto ma c'è un particolare che forse ti sfugge: se il pesce è spostato di 3 metri rispetto alla linea di mira davanti a te di 5 metri se tu hai un fucile lungo un metro e venti tutto davanti al braccio devi far compiere alla punta del fucile circa 1 metro di spostamento per allinearla col bersaglio, se invece questo fucile spunta solo 70 cm dalla tua mano, la sua punta dovrà percorrere solo 60 cm per essere in linea col bersaglio, ergo sposti si la stessa massa d'acqua ma è proprio lo spostamento a esser minore.
Immagine
rosso è il braccio, blu arbalete classico, verde arbalete a impugnatura centrale... scusa per il disegno, adesso sai perchè non sono diventato ingegnere :P


mmmh ora mi hai fatto incuriosire assai..domani per sfizio mi porto un vecchio Tigrotto Mares e voglio proprio vedere..non rispecchierà la massa di un arbalete ma almeno un idea me la puo dare....ti faro sapere..bella

Avatar utente
tarcioz
Silver Member
Silver Member
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 16 maggio 2009, 11:04
Località: san gavino monreale
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da tarcioz » domenica 1 novembre 2009, 23:01

guardate un po qua..qualche arbageppetto ci ha pensato..altro che no..
http://www.youtube.com/watch?v=9tPyguexXRk
Ralph il tigrotto non l'ho proprio portato..sarà per la prox..

Avatar utente
h4nnib4l
Top Member
Top Member
Messaggi: 836
Iscritto il: martedì 1 settembre 2009, 22:02
Località: Villamassargia - Sardegna
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da h4nnib4l » domenica 1 novembre 2009, 23:27

min**** un marlin ha preso, arroducoddiri!
Quello è un arbageppetto con i controcazzi!!!
Immagine

Avatar utente
Raph69
Top Member
Top Member
Messaggi: 533
Iscritto il: lunedì 15 settembre 2008, 19:01
Località: Cagliari
Stato: Non connesso

Re: impugnatura centrale sugli arbalete

Messaggio da Raph69 » domenica 1 novembre 2009, 23:41

Nel filmato che hai postato siamo di fronte alla classica preda oceanica di cui parlava Scampanale, l'arma infatti ha 4 elastici ed è alta quanto un'uomo, io chiedevo di arbageppetti nostrani che progettano e costruiscono fucili per le nostre acque.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 276 ospiti